25 aprile

Care e cari,

il 25 aprile non è un rito, è una giornata di lotta. E quest’anno il settantacinquesimo anniversario della caduta del nazifascismo a Milano assume un significato ancora più importante.
Siamo chiusi in casa da settimane per sconfiggere un virus che ha ucciso migliaia di persone in tutto il mondo. Il civismo di milioni di italiani lo batterà e torneremo a una vita normale, dove libertà e responsabilità cammineranno insieme per garantire un futuro a tutte le generazioni.
Eppure ci sono virus ancora da sconfiggere. La sconfitta del virus del fascismo non è ancora garantita. Nel nostro paese sono troppe le avvisaglie di un lockdown della memoria che riporta alla mente stagioni che immaginavamo fossero abbondantemente superate.
Mille episodi discriminatori nel 2019, uno ogni nove ore. Sono numeri terribili. La moltiplicazione di episodi di violenza, intolleranza, razzismo non è allarmismo, purtroppo fa parte della realtà. Con partiti della destra che da tempo fiancheggiano microformazioni neofasciste, si prestano a operazioni di carattere revisionistico, alimentano la ripresa di simboli e parole d’ordine fuori dalla storia e dalla Costituzione. Non dobbiamo abbassare la guardia, dimenticare ciò che è stato, venire meno al valore immortale dell’esempio di quei partigiani che liberarono il paese dall’invasore.

Possiamo farlo anche quest’anno, anche da casa. Partecipiamo come Articolo Uno alla manifestazione virtuale promossa dall’Anpi sabato alle 15, l’ora in cui è sempre partito il grande corteo di Milano, con l’impegno di esporre il tricolore e cantare #bellaciaoinognicasa.

E in questi giorni che ci avvicinano al 25 aprile vi chiediamo di condividere sui vostri profili social e su quelli territoriali di Articolo Uno un ricordo, una foto, un video, le parole di qualche testimone della Liberazione che dicano dove o con chi o come vorreste trascorrere questa giornata. Usiamo nei post l’hashtag #ioresistoacasa e #bellaciaoinognicasa per mettere in comune luoghi, persone e pensieri che parlino di Liberazione. Invitiamo altri a farlo, riempiamo il web di immagini, pensieri e parole di Liberazione. Cominciamo oggi, anzi cominciamo noi con questa cartolina che vi invitiamo a condividere dai nostri profili nazionali Facebook e Twitter e che ricorda il primo 25 aprile di Articolo Uno, quello del 2017, e il partigiano Alfredo Reichlin che da pochi giorni ci aveva lasciato ma non ha mai smesso di indicarci la strada.

Resistenza significa pazienza nella lotta, consapevolezza di ciò che siamo e rappresentiamo, coraggio di fare scelte difficili e inedite. Buon 25 aprile. #ioresistoacasa.

Potrebbero interessarti anche...